Logo Sporting Valsanterno

I valligiani ribaltano lo svantaggio iniziale e vincono 1-3 sul campo del Siepelunga Bellaria, portandosi a -1 dal trio di testa. A segno per due volte Iovino e Betti, autore di un grandissimo gol

Seconda vittoria consecutiva per la Sporting Valsanterno, che dopo il 3-2 casalingo contro l’Amaranto Castel Guelfo trova altre tre reti e supera in trasferta il Siepelunga Bellaria. Un successo in rimonta che premia la caparbietà degli uomini di Martini e lancia la squadra, ancora imbattuta, a un insperato piazzamento a -1 dal trio delle capolista formato da San Donato, Sporting Pianorese e Tozzona Pedagna. Il quarto posto in classifica, in coabitazione con la Dozzese, si tramuta di fatto in un piazzamento da seconda, con la volontà di arricchire il bottino già domenica prossima, sul campo amico di Casalfiumanese, nel derby… delle Sporting contro la Pianorese.

Al Lunetta Gamberini di Bologna, teatro della partita di questo weekend, la giornata inizia male per i colori della Sporting: al 13’ Gavioli spiazza Rensi dal dischetto e porta avanti i suoi (1-0). La reazione ospite arriva con la stupenda rete di Matteo Betti, classe 2000, che al 24’ parte palla al piede da metà campo e, con un tiro dai 25 metri, sorprende il portiere di casa Maglia (1-1). Gli ospiti hanno una doppia occasione per ribaltare il risultato già nel primo tempo ma prima Morcone (30’) e poi Iovino (44’) non centrano lo specchio della porta.

L’apertura della seconda frazione, però, regala a Civolani e compagni la gioia del vantaggio: Busillo per Betti che serve in profondità Iovino, abile a battere il portiere avversario con un sontuoso pallonetto (1-2, 47’). Maglia riscatta l’incertezza sul gol di Betti superandosi su Ferretti (51’), poi Fazzini – il più pericoloso dei suoi – trova Rensi a opporsi sui tentativi, invero non eccessivamente pericolosi, giunti al 57’ e al 63’. L’espulsione per doppia ammonizione di Zorzi, al 71’, frena le velleità locali e spinge la Sporting verso il tris: Maurizzi, pressato da Biagi, sbaglia la misura del retropassaggio verso il portiere con Iovino che si intromette sulla traiettoria e, a tu per tu con Maglia, lo batte con una conclusione potente a fil di traversa (1-3, 84’) che mette i titoli di coda al match.