Logo Sporting Valsanterno

Quinto successo consecutivo per Civolani e compagni, che approfittano del passo falso del San Donato per balzare in vetta alla classifica. A segno Busillo e Iovino

Quinto successo di fila e vetta della classifica conquistata. Continua a stupire la Sporting Valsanterno, che sul campo amico di Casalfiumanese vince le resistenze del Mordano Bubano per 2-0 grazie a un secondo tempo autoritario e, complice la sconfitta del San Donato a Castel del Rio, scavalca i bolognesi conquistando il primato in classifica in una graduatoria, adesso, a trazione valligiana con gli uomini di Martini a quota 17 seguiti dal forte Castel del Rio a 16. Un cammino sorprendente quello di Civolani e compagni, sinora ben oltre l’obiettivo stagionale della salvezza.

Contro il Mordano l’approccio alla gara dei valligiani non è dei migliori: gli ospiti, volitivi e combattivi, imbrigliano la manovra locale e cercano di approfittare sorprendendo la difesa, non trovando tuttavia particolari spunti se non, al minuto 12, con un contropiede di Ba stoppato fallosamente, fuori dall’area di rigore, dal portiere Rensi in uscita. La Sporting, pur non nella miglior giornata, non subisce eccessivamente le offensive mordanesi complici i numerosi errori in manovra della formazione avversaria ma, al contempo, fatica a pungere dalle parti di Bacchilega.

Il match si sblocca nella ripresa ed è una punizione di Busillo, al 65’, a portare avanti i suoi: la traiettoria tesa del regista valligiano, dal lato sinistro dell’area di rigore, non trova deviazioni sulla propria corsa e conclude la propria corsa sul palo opposto (1-0). Tre minuti dopo Prosperi colpisce in mischia e trova l’opposizione di un difensore sulla linea di porta a negargli il gol; va meglio a Iovino al 72’ con una spettacolare girata dall’interno dell’area di rigore sul cross di Biagi, deviata da Bacchilega ma non in maniera tale da impedire la realizzazione (2-0). Dopo un ottimo primo tempo il Mordano, sotto di due reti, fatica a reagire e impensierire la squadra di casa, che sfiora addirittura la terza rete (gol annullato a Prosperi) e può festeggiare un’inaspettata vetta della graduatoria, in attesa della trasferta di domenica prossima in casa dell’Atletico Mazzini.