Gianluca Tumolo Valsanterno
Gianluca Tumolo (Ufficio Stampa Valsanterno 2009)

I valligiani, rientrati tra le sabbie mobili della zona playout, affrontano – senza lo squalificato Senese – la grande favorita del campionato, a un passo dal titolo di campione d’inverno

Un inizio in sordina, con tante attenuanti, una fase centrale del campionato in forte risalita e un finale forse più difficile delle aspettative. Una stagione controversa, fino a questo momento, quella di una Valsanterno che mai, nelle dodici gare sinora disputate, è riuscita a schierare l’undici preventivato alla vigilia della stagione ed è stata costretta ben otto volte a cambi obbligati da infortuni maturati nella prima frazione di gioco. Un alibi solo parziale per una squadra al momento confinata al quartultimo posto, in piena zona playout ma allo stesso tempo attaccata al trenino che racchiude, in appena sette punti, otto delle quattordici partecipanti al girone C di Eccellenza.

Tra queste non ci sono un San Pietro in Vincoli in ripresa, il Cotignola e l’Alfonsine, che chiudono la classifica, e la coppia di testa composta al secondo posto dal Russi, formazione affrontata la scorsa settimana, e al primo dalla FYA Riccione capolista.

Otto vittorie e tre pareggi sinora per i rivieraschi, ancora imbattuti in campionato. Si incroceranno mister Mirko Taccola, già protagonista in Serie A da calciatore con le maglie di Pisa, Inter, Napoli e Cagliari, e Fabio Paterna, privo della compagnia del primo allenatore Felice, squalificato per una giornata: scontro inedito sulla panchina tra i due, ma c’è un precedente sul campo datato 2007 nella prima giornata del campionato di C2 quando l’attuale allenatore della FYA militava a San Marino e l’ex attaccante a Rovigo.

Allora finì 2-2: un risultato equivalente sarebbe potenzialmente accettabile per la Valsanterno, chiamata ad affrontare una squadra che può contare su diversi giocatori con esperienza in categorie superiori. Spiccano, su tutti, il centrocampista Luca Valeriani (1991), che conta un centinaio di presenze tra i professionisti – ed è stato spesso compagno di reparto di un certo Stefano Sensi nel San Marino in C nel 2013/14 – e la coppia d’attacco composta da Matteo Sartori (1991) e Liborio Zuppardo (1985), ariete da 141 gol in carriera in Serie D

I valligiani, comunque, lotteranno con il coltello tra i denti per riagguantare un risultato positivo, fondamentale ai fini della classifica: alla lista degli assenti si aggiunge Marco Senese, squalificato per due giornate dopo l’espulsione di Russi, tra i convocati anche lo Juniores Baroncini (2003).