Pallina da tennis
(Shutterstock.com)

Tennis, ciclismo e motori sono solo alcune delle discipline che quest’anno renderanno la Regione grande protagonista dello sport

La Coppa Davis a Bologna è solo l’ultimo – in ordine di tempo – dei grandi appuntamenti che vengono ad arricchire il calendario di eventi sportivi che si svolgeranno nel 2022 in Emilia-Romagna.

Dalla Formula Uno, con il Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna che ritorna per il terzo anno consecutivo a Imola dopo 14 anni di assenza, dal 22 al 24 aprile e fino al 2025. Alla Moto Gp, con il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini il 4 settembre al circuito ‘Marco Simoncelli’ di Misano Adriatico. Passando – il 18 e il 19 maggio – per le due tappe del Giro d’Italia maschile e – a luglio – del Giro d’Italia femminile.

E ancora: calcio, volley, basket, beach volley, atletica, oltre a tante discipline paralimpiche e ulteriori competizioni. E sempre per quanto riguarda il tennis la conferma di un appuntamento che è ormai diventata un classico, con l’Emilia-Romagna Tennis Cup, il Torneo ATP 125 di Montechiarugolo (PR) in programma a giugno.

Oltre 100 le date su tutto il territorio regionale. E da parte della Regione un impegno che passa anche da una serie di accordi con le Federazioni nazionali di Pallavolo, Triathlon, Ginnastica, Giuoco Handball, Calcio a Cinque, Sport Sordi.

Tra le novità anche l’accordo di sostegno a importanti team emiliano-romagnoli che disputano competizioni internazionali. Virtus Bologna, Pallacanestro Reggiana, Volley Modena, Zebre Rugby Parma, Baseball Parma, Panthers Parma football USA, Gresini team racing e Team Under 23 #inemilia-romagna porteranno così il nome della Regione Emilia-Romagna e le eccellenze di un intero territorio sotto i riflettori di importanti competizioni europee.

Oltre a una serie di eventi che saranno ripetuti sul territorio tra maggio e luglio. In particolare, i talk show con grandi campioni ed esperti di “Sport in piazza”, in diverse città emiliano-romagnole e, in accordo con la Federazione italiana Sport Sordi, gli stage dedicati ad atleti con sordità che si svolgeranno a Castelnovo Monti (Re).

Un binomio sport e turismo che si conferma sempre più anche un’importante leva di crescita. Come dimostrano i dati pre-pandemia riferiti al Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini di motociclismo con oltre 182 mila presenze tra spettatori e addetti ai lavori, un impatto diretto di 62 milioni di euro e un indotto complessivo di 65 milioni di euro. In pratica, a fronte di un investimento di un euro per l’organizzazione del Gran Premio nel territorio viene attivata una spesa indotta di oltre 7 euro. Numeri confermati da una manifestazione come Ironman che sempre nel 2019 aveva registrato oltre 52mila presenze turistiche nelle strutture ricettive e un giro d’affari di circa 9,3 milioni di euro tra alloggio, ristorazione, shopping e servizi.