Valsanterno comunicato
(Ufficio Stampa Valsanterno 2009)

Dopo il pareggio dell’andata i valligiani hanno la meglio a Borgo Tossignano: le reti di Mascanzoni e Zaganelli consentono alla squadra di preservare la categoria

Tanto agognata, alla fine è arrivata. La Valsanterno vince i playout contro il San Pietro in Vincoli e mantiene la categoria, costringendo il San Pietro in Vincoli alla retrocessione al termine dei 180 minuti. Allo 0-0 dell’andata in terra ravennate segue il successo per 2-1 a Borgo Tossignano che fa festeggiare una tribuna gremita come pochissime volte nella breve storia societaria, risposta eccellente all’accorato appello lanciato dal sodalizio della Vallata.

Ci pensano Mattia Mascanzoni, arrivato nel mercato di gennaio dal Ravenna e rivelatosi pronto all’impatto della categoria, e l’eurogol di Federico Zaganelli, professione roccioso difensore centrale, che per un azione si trasforma incursore e implacabile marcatore con una corsa di 50 metri finalizzata con un tiro sotto l’incrocio dei pali. Ma al di là dei marcatori, la salvezza premia un gruppo capace di non disunirsi di fronte alle tante difficoltà incontrate in corso d’anno, ottenendo come premio la permanenza nel gotha del calcio regionale.

La cronaca della gara parla di un match che fatica a decollare nel primo tempo, fino all’episodio che sblocca il risultato. È il minuto 25 quando il portiere ospite Alessandro Casadio, decisivo con una parata miracolosa su Sciuto nella gara d’andata, è autore di un’indecisione che spiana la strada verso il gol a Mascanzoni, che approfitta dell’errore dell’estremo avversario e insacca a porta vuota (1-0). La Valsanterno controlla con autorevolezza e cede il fianco solo alla conclusione alta di Gjordumi al 37’ sul cross di Giacomo Casadio. Al 42’, però, gli ospiti pervengono al pari con il gol di Francesco Pezzi, che si incunea in area palla al piede e trova lo spazio per calciare il pallone alle spalle di Salvatori (1-1).

Nella seconda frazione la prima occasione è per il San Pietro in Vincoli con il tiro altissimo di Marocchi sul filtrante di Giacomo Casadio, autentica spina nel fianco per la difesa di casa. Mascanzoni sfiora la doppietta al 68’ con un tiro sulla parte esterna del montante della porta difesa da Casadio da posizione molto defilata, ma a far gioire la tribuna di Borgo Tossignano ci pensa Zaganelli: partenza palla al piede dalla sua metacampo, scambio con Sciuto e conclusione di punta all’angolino alto alla sinistra di un incolpevole Casadio (2-1, 78’). Brividi per il pubblico locale quattro minuti dopo il gol quando Pezzi, su calcio di punizione dai 20 metri, pareggia il conto dei legni calciando sulla traversa, azione seguita dall’improduttivo assalto ravennate. Un doveroso plauso, comunque, al San Pietro in Vincoli, autore di una strepitosa rimonta dopo un girone di andata difficile e avversaria sempre temibile. Per la Valsanterno si apre lo scenario della terza stagione consecutiva in Eccellenza, un traguardo storico da conservare con cura.