Logo giro italia bici
(©Shutterstock.com)

Pronto l’omaggio a Tonino Berti nella giornata di mercoledì 18 maggio

Il gettone numero 105 del Giro d’Italia 2022 di ciclismo toccherà, nel corso dell’undicesima tappa che da Santarcangelo di Romagna porterà la carovana rosa a Reggio Emilia in agenda il prossimo 18 maggio, anche il territorio dozzese.

Una corsa in linea adatta ai velocisti, denominata Parmigiano Reggiano Food Race, che celebrerà la regione Emilia-Romagna e prevedrà un traguardo volante a Toscanella lungo quella direttrice tracciata dall’asfalto della via Emilia. Un asse che, per quanto riguarderà il circondario imolese, i corridori imboccheranno in quel di Imola dopo 68 chilometri di corsa per poi proseguire verso la frazione dozzese dove il passaggio sarà concentrato nella fascia oraria che andrà dalle ore 14.10 alle 14.27, a seconda dell’andatura dei protagonisti. Castel San Pietro Terme e Ozzano chiuderanno, infine, la rapida parentesi a tinte rosa del Giro in area locale.

Il momento sarà congeniale per ricordare, a pochi mesi dalla sua scomparsa, la figura di Antonio ‘Tonino’ Berti. Indimenticato imprenditore e grande appassionato di ciclismo, Berti ha legato indissolubilmente il proprio nome al grande ciclismo grazie alla solida amicizia con personaggi del calibro di Luciano Pezzi, Nino Ceroni e Stelio Ricci. Così la pasticceria Berti sulla via Emilia, autentico punto di riferimento per l’intera comunità dozzese e ritrovo organizzativo prediletto di tanti interpreti della specialità, è diventata nel tempo molto più di un luogo per una piacevole pausa durante il viaggio. Sono scolpite tra le pagine del romanzo del Giro d’Italia le soste della carovana nel 1998, l’anno del trionfo di Marco Pantani guidato proprio dai sapienti consigli di Luciano Pezzi in quella fantastica squadra che era la Mercatone Uno del patron dozzese Romano Cenni, nel 2008 ed il breve rifornimento nel 2012. Senza dimenticare le innumerevoli scorte di provviste preparate da Tonino, a colpi di torta di riso ed altre prelibatezze dolci e salate, per le compagini dell’amico Pezzi.

Il traguardo volante di Toscanella, targato Giro 2022, si trasformerà quindi nel sentito omaggio dedicato a Berti grazie agli intenti della sua amata famiglia, della cittadinanza e dell’amministrazione comunale. Coreografia a tema davanti all’omonima pasticceria, con tanto di cartellone ‘Toscanella saluta il Giro d’Italia’, ed una settantina di t-shirt con la fotografia di Tonino insieme ai grandi campioni durante una delle leggendarie soste del gruppo rosa nel locale di via Emilia. Già allestita a tema anche la vetrina con alcuni cimeli dell’ex professionista Michele Coppolillo, altro dozzese con un passato ed un presente nel ciclismo che conta, e memorabilia di una delle più amate discipline sportive.

“Il passaggio del Giro d’Italia è sempre un momento di grande fascino ed emozione per ogni comunità. Una bella festa di sport ed una vetrina importante per Toscanella – commenta il sindaco di Dozza, Luca AlbertazziDoveroso l’omaggio a Tonino Berti, figura importantissima del nostro tessuto imprenditoriale e alla guida per quasi 60 anni di un’attività che è cresciuta in parallelo allo sviluppo del territorio. Un esercizio entrato di diritto nel romanzo del ciclismo italiano proprio grazie alle relazioni genuine e sincere coltivate da Tonino con indimenticati personaggi della disciplina come, soltanto per citarne un paio, Luciano Pezzi e Romano Cenni”. E ancora: “Il locale ha fatto da sfondo a tanti noti capitoli di questo sport, pensiamo all’epopea Mercatone Uno con Marco Pantani di casa sulle pendici di Monte del Re – conclude -. Tonino Berti ha incarnato la vera essenza dozzese. Quella che nelle due ruote riversa passione, amicizia, sacrificio, dedizione e, lasciatemelo dire, storia”.