Bologna San Luca archivio
(©bolognasanluca.it)

Ad organizzare l’evento sportivo è Francesco Amante con la Scuderia Bologna Squadra Corse

Torna l’appuntamento con la Bologna-San Luca organizzata dalla Scuderia Bologna Squadra Corse, la gara di velocità in salita per auto storiche che trasforma il tratto di strada che sale verso il Santuario della Basilica di San Luca nella pista per auto da corsa più suggestiva d’Europa.

La bellezza e l’unicità della cronoscalata è sicuramente dettata dallo scenario che incornicia l’evento: dalla linea di partenza, posizionata sotto l’arco del Meloncello, fino al traguardo con i famosi portici del Dotti, costruiti ben 300 anni fa, che affiancano per 2 chilometri la salita denominata “la piccola Montecarlo”.

Quest’anno, in particolar modo, la gara vuole essere un omaggio al luogo che ospita la manifestazione, dato che proprio nel 2021 i portici di Bologna sono diventati parte del patrimonio dell’Umanità Unesco; cosicché al privilegio di sfrecciare lungo il portico devozionale di San Luca, si aggiunge anche l’ebrezza di entrare a far parte di un importante momento storico.

La gara più corta d’Europa il cui motto è “2 Km mozzafiato, da correre tutta d’un fiato, solo per gli audaci…” per la rapidità con cui si arriva al Colle della Guardia, si presenta unica anche per le caratteristiche del percorso: una pendenza del 20% e 6 tornanti tra cui la terribile staccata delle Orfanelle che rendono “l’ascesa verso il cielo”, come recita il leitmotiv della manifestazione, impegnativo dal punto di vista tecnico e per questo appassionando i piloti e coinvolgendo intensamente il pubblico che come usuale si posiziona tra le arcate.

Con un parco macchine di tutto rispetto la 16a edizione vedrà sfrecciare esemplari rari come: la Ferrari Dino 206 e la Mercury Lotus rispettivamente degli austriaci Hegon Hofer e Harald Mossler; la Bmw M3 di Salvatore Asta, la De Tomaso Pantera di Giuliano Palmieri, le Porsche Carrera di Vittorio Mandelli, Filippo Caliceti, Brando Motti e l’Alfa Romeo 1900 SS Touring del Patron Francesco Amante. In Parata da menzionare: la Ferrari 296 GTP di Stefano Gazziero e la rara Lancia Flavia Zagato Sport del 1963 guidata da Palmieri Giovanni.

La 16^ Bologna-San Luca si correrà il 29 e 30 ottobre 2022 e, per un certo numero di AUTO D’EPOCA, sarà possibile precedere la gara di velocità e provare l’ebrezza della salita con la formula della Parata a circuito chiuso, allestito per la corsa che anticiperà 3 salite sabato e 3 salite domenica la gara, per un totale di 6 momenti in cui sfrecciare lungo gli archi.