Valsanterno comunicato
(Ufficio Stampa Valsanterno 2009)

A Conselice finisce 2-0 con le reti di Derjai e Carbone: i valligiani faticano contro una delle formazioni più in forma del campionato e soccombono sulle ripartenze

Vince la squadra mentalmente e fisicamente più forte. La Valsanterno cade in casa del Sanpaimola, squadra che legittima – al netto di un arricchimento qualitativo della rosa – un notevole cambio di atteggiamento in campo rispetto alla scorsa stagione, tale da giustificare il sorprendente attuale secondo posto in classifica con un numero di punti pressoché identico, dopo 11 giornate, rispetto alla totalità dello scorso campionato. Di contro, i valligiani non danno mai l’idea di essere fuori dal match ma peccano dal punto di vista del gioco e dell’incisività, subendo entrambe le reti decisive su azione di ripartenza.

Primi minuti di sostanziale equilibrio con la discesa palla al piede di Cerasuolo al 5’ respinta da Sammarchi e, sul fronte opposto, la conclusione alta di Valentini al 9’. Laddove la Valsanterno grazia, poi, il Sanpaimola non lo fa: Mattia Tonini al 15’ sciupa un’ottima occasione con un tiro dai 20 metri in campo aperto che non trova lo specchio della porta, mentre due minuti più tardi Colino viene atterrato da Thomas Ragazzini e frutta ai ravennati un rigore: dagli undici metri Derjai tradisce la fama di ottimo rigorista, con Sammarchi che ribatte ma è lo stesso numero 5 a portare avanti i suoi sul seguente pallone vagante (1-0). Valentini saggia i riflessi di Lofiego, al 29’, con una bella conclusione rasoterra da fuori smanacciata dal portiere, mentre la punizione di Mattia Tonini al 37’ è centrale e bloccabile. Da segnalare un doppio infortunio nel finale di tempo tra i valligiani, con le uscite anticipate di Suzzi e Capasso.

Nella ripresa la Valsanterno parte con un approccio deciso, ma il grave infortunio occorso a Caroli al 52’ pare condizionare i compagni, bloccati nei minuti successivi nei quali prima Matteo Alessandrini calcia centrale senza impensierire Sammarchi (54’), poi il fratello Simone non trova la porta in inserimento di testa sul primo palo sul cross di Scala (65’). Proprio Scala, sulla fascia destra, è autore dell’assist sulla rete del raddoppio che arriva al 76’: cross dalla destra con il pallone che scorre in area e viene finalizzato in maniera vincente da Carbone (2-0). Le uniche fiammate di una Valsanterno che non riesce a incidere quanto dovrebbe sono i tiri di Mattia Tonini al 79’ e al minuto 89, il primo preda di Lofiego e il secondo a lato.