Valsanterno comunicato
(Ufficio Stampa Valsanterno 2009)

Lo scontro diretto per la salvezza va ai marecchiesi grazie al rigore segnato da Fratti al 91’: i valligiani sono autori di un buon primo tempo, ma calano alla distanza

Questa volta è una sconfitta che fa male più del solito. Lo fa perché giunge in uno scontro diretto per la salvezza nel quale, sommariamente, Valsanterno e Pietracuta si equivalgono con un andamento della partita opposto sulle due sponde: i locali sono più incisivi nella prima parte di gara, calando alla distanza, mentre gli ospiti stringono i denti all’inizio per poi crescere nella ripresa. A vincere, però, è la squadra della Valmarecchia, che grazie al rigore di Fratti al 91’ fa un balzo avanti in classifica e lascia i valligiani in una posizione di graduatoria sempre più difficile

Nonostante un sole primaverile che “abbaglia” gli spettatori presenti a Borgo Tossignano, il terreno di gioco appesantito dalle piogge degli ultimi giorni condiziona gioco e ritmi partita. Ne viene fuori una prima frazione in cui la Valsanterno ha un leggero predominio territoriale, senza tuttavia affondare il colpo. Degne di nota solo le conclusioni centrali di Borini al minuto 8 e, sulla sponda opposta, quella di Francesco Fabbri, docile tra le braccia di Sammarchi al 24’. Ben più pericoloso è il tiro di sinistro di Cassani al 40’, con l’esterno di casa che rientra da sinistra e calcia trovando l’opposizione di pugno di Amici.

Nella ripresa il copione iniziale è il medesimo e la Valsanterno sfiora il vantaggio al 59’: sul corner di Simone un rimpallo in area trova la deviazione di Zaganelli, alta di poco. Sull’azione di ripresa, invece, va vicino al gol il Pietracuta: cross basso di Filippo Fabbri, ennesimo rimpallo con deviazione di Fratti e palo. Gli ospiti riacquiscono fiducia e guadagnano metri sul campo in un match nel quale l’impressione è che sia sufficiente l’episodio buono, da una parte o dall’altra, per dirimere la contesa. Ed è proprio il Pietracuta ad approfittarne al 91’: Filippo Ragazzini tocca Fratti in area e il direttore di gara ravvisa il penalty, trasformato centrale e potente dallo stesso attaccante (0-1). Fratti al 93’ ha addirittura l’occasione del raddoppio, con la Valsanterno sbilanciata in avanti, ma trova Sammarchi a chiudere lo specchio nell’uno contro uno. Sarebbe stato anche troppo per una Valsanterno “spuntata”, ma comunque volitiva.