Turismo
(©Bologna Metropolitana)

Progetti e attività per i servizi turistici di base di Unioni e Comuni e la promozione di interesse locale

Con l’approvazione da parte del Consiglio metropolitano, si è concluso l’iter relativo al PTPL – Programma Turistico di Promozione locale 2022, strumento basilare per la progettazione delle attività in ambito bolognese del Territorio turistico Bologna-Modena.

Il passaggio formale da Destinazione turistica Bologna metropolitana a Territorio turistico Bologna-Modena compiuto in questi mesi, prevede che il 2022 sia ancora un anno di transizione verso l’adozione di un unico PTPL da parte di Bologna e Modena, prevista a cominciare dal 2023.

Per quest’anno dunque le amministrazioni hanno proceduto singolarmente alla definizione del Programma: contestualmente al pronunciamento del Consiglio metropolitano, Modena ha approvato il proprio PTPL con atto del Presidente.

Il PTPL così approvato dal Consiglio metropolitano e dalla Provincia di Modena aveva già ottenuto l’approvazione da parte del Tavolo di Concertazione e nessuna osservazione da parte della Cabina di Regia, consultata in forma scritta.

Come per gli anni scorsi, gli ambiti di attività del PTPL sono costituiti da due Filoni:

  • Filone I – Servizi turistici di base dei Comuni e delle Unioni, afferenti a interventi di sostegno a tutti gli uffici IAT e UIT
  • Filone II – Promozione turistica di interesse locale relativo a progetti di promozione dell’immagine, delle peculiarità e della qualità dei prodotti turistici locali nel territorio di riferimento. In questo caso, viene riproposta la collaborazione con il Comune di Bologna in relazione al “Bando Bologna Estate” con l’obiettivo, con risultati lusinghieri registrati già nel 2021, di mettere assieme, in un Cartellone di iniziative, un’offerta culturale di alto livello qualitativo per l’intera area metropolitana che qualifichi e rafforzi l’immagine di Bologna e dell’intero territorio.

A seguito della pubblicazione dell’avviso pubblico –  trasmesso per conoscenza a tutti i Comuni, alle Unioni dell’area metropolitana e ai tavoli territoriali del turismo- e della successiva istruttoria tecnico-amministrativa, eseguita anche con la collaborazione di Bologna Welcome, sono pervenute 12 domande per il filone 1 e ammesse 17 domande per il filone 2.  A questi progetti si aggiunge quello  trasversale della Città metropolitana sul secondo filone.

Tra le novità, da rilevare in particolare l’aumento degli uffici di informazione che infatti passano da 9 a 12, con l’apertura di nuovi IAT a Marzabotto e San Benedetto Val di Sambro-località Madonna dei Fornelli e lo UIT di Camugnano. Circa il Filone 2, si consolidano e sviluppano manifestazioni ‘storiche’ quali il Baccanale di Imola, Fantastika a Dozza, Appennino in tavola e Lagolandia presentati dall’Unione dei Comuni dell’appennino bolognese. Di rilievo anche le proposte sul cicloturismo e outdoor, tra cui il progetto Il territorio in e-bike pervenuto dall’Unione Savena-Idice.

La percentuale di contributo da assegnare a ciascun progetto sarà oggetto di una successiva valutazione del Tavolo di Concertazione del Territorio Turistico, a seguito dell’assegnazione delle risorse complessive per la realizzazione del PTPL 2022 da parte della Regione.

Complessivamente gli interventi di spesa raggiungono un valore di oltre 1,7 milioni di euro (70% sul Filone I “Servizi turistici di base dei Comuni” e 30% sul Filone II “Promozione turistica di interesse locale).